Tecniche viscerali

Stampa PDF

Gli organi e i visceri in buona salute possiedono un movimento fisiologico che è interdipendente a causa delle membrane sierose che avviluppano l'organo, la fascia, i legamenti e gli altri tessuti vivi che li connettono alle diverse e circostanti parti dell'organismo. Il movimento fisiologico si può dividere in due componenti:

  1. la mobiltà viscerale, cioè il movimento dei visceri in risposta al movimento volontario del diaframma nella respirazione
  2. La motilità viscerale che rappresenta la possibilità dell'organo stesso di muoversi.

Tutti i visceri dovrebbero funzionare bene, senza limitazioni, poiché fissazioni o aderenze ad un'altra struttura adiacente implicano un indebolimento dell'organo e un suo mal funzionamento; le modificazioni del movimento che ne conseguono possono apportare mutamenti significativi sia allo stesso organo che alle strutture collegate. Attraverso la manipolazione viscerale è possibile migliorare la funzione di un organo ristabilendone in certa misura il suo movimento fisiologico e la sua funzionalità.

Tuttosteopatia.it

Banner

Registro Osteopati d'Italia

Banner

Associazione Romana di Psicologia e Sessuologia

Banner